VUOI DI PIU’ ?

per la scolastica

Newsletter Oliged

area riservata

username
password

PORTA DIGISPOT NELLA TUA EDICOLA

Rank

  • 23mag

    notizie Commenti disabilitati

    Lettura dei codici a barre

    La tipologia dei lettori di codici a barre è andata ampliandosi con l’avvento di nuove tecnologie e con la miniaturizzazione della componentistica elettronica.

    Tipo di collegamento

    Oltre ai lettori collegati ad un personal computer o ad un registratore di cassa, troviamo dei lettori dotati di memoria e quindi in grado di immagazzinare un certo numero di letture prima che vi sia la necessità di scaricarle utilizzando un’unità base (detta calamaio nel caso delle penne ottiche). Altri lettori sono dotati di un trasmettitore di piccola potenza per comunicare in tempo reale ad un’unità ricevente i dati che vengono letti.

    Tecnologia di lettura

    La tecnologia prevalente e più affidabile impiega uno o più raggi laser, abbinato di solito ad una testina oscillante e in taluni casi ad un sistema di specchi, al fine di moltiplicare le probabilità che qualsiasi codice stampato su un oggetto venga letto al primo tentativo. Esistono anche dei lettori più economici che utilizzano una barra di LED per illuminare i codici a barre e un sensore CCD (Charged Coupled Device). Si ottengono così dispositivi più leggeri e più resistenti, adatti per scanner da impugnare, che però devono essere portati quasi a contatto con i codici a barre da leggere. Inoltre, in ambito industriale, le ultime tecnologie permettono la lettura del codice a barre tramite l’acquisizione di un’immagine fornita da un sistema video. Questo, tramite l’apposito software, permettono di “fotografare” l’oggetto, riconoscere nella fotografia il codice a barre da leggere e successivamente interpretarlo.

    Tags: